Come scegliere il nome del dominio

WordPress, cosa ci possiamo fare?
17 dicembre 2016
Effettuare il login su WordPress
28 dicembre 2016
Show all

Come scegliere il nome del dominio

Prima di acquistare un piano hosting devi scegliere il nome del dominio per il tuo futuro blog o sito web, una delle cose più importanti e allo stesso tempo difficili che tu possa fare. Il nome del dominio dice chi sei e cosa fai nel web, prima ancora che l’utente acceda al tuo blog.
I più comuni possono essere di terzo livello (sconsigliato) e di secondo livello (consigliato).
Quelli di terzo livello sono quelli gratuiti che però contengono all’interno banner pubblicitari e impongono regole stringenti, come ad esempio tuo-nome-dominio.altervista.org. Io li sconsiglio vivamente.
I domini di secondo livello sono i classici domini che si vedono in giro, come www.tuo-nome-dominio.it. Consiglio di comprare questo tipo di domini perchè non si ha alcun genere di vincolo.
Solitamente per i siti italiani si utilizza molto l’estensione .it, poi il .com e a seguire tutti gli altri.

 

DOVE COMPRARE IL DOMINIO

Esistono dei siti apposta come GoDaddy.com e Register.com. Il prezzo può oscillare dai 6$ a 45$, a seconda delle parole chiave che compongono il nome.
In alternativa ci sono molti hosting che offrono automaticamente questo stesso servizio, ovvero compri il nome del dominio direttamente da dove compri anche lo spazio web. Guarda i migliori Hosting provider per WordPress, loro forniscono questa possibilità.

COME SCEGLIERE IL NOME DEL DOMINIO

Ora ti elenco dei consigli per scegliere al meglio un dominio:

  • Keyword: ovvero la parola chiave. Deve contenere la parola chiave (keyword) per cui vuoi essere trovato su Google. Ad esempio se vuoi aprire un blog di dolci al cioccolato, cerca un dominio che conterrà la parola dolci o cioccolato oppure entrambi. Io suggerisco di non utilizzare mai più di due parole per il nome del dominio. Per unire due parole puoi anche utilizzare il trattino, tipo www.dolci-cioccolato.it (anche se preferisco senza trattino). La scelta migliore rimane sempre un nome composto da una sola parola.
    L’utilizzo della parola chiave è molto importante in ottica SEO, ovvero per l’ottimizzazione per i motori di ricerca, per essere più visibili su Google!
  • Branding: se vuoi concentrare il nome sul branding piuttosto che sulla parola chiave, allora dimentica quanto scritto al punto precedente. Ad esempio se vuoi creare il sito aziendale, utilizza il nome dell’azienda, lascia perdere le keyword.
  • Semplicità: più il nome è semplice e breve e più è facile da ricordare e da suggerire a voce agli amici. Non inserire punteggiature o simboli strani, spesso anche il trattino non è la soluzione migliore.
  • Geniale: un buon gioco di parole può colpire l’utente che memorizzerà immediatamente il nome. Questo punto può scontrarsi con quello sopra, ma funziona altrettanto bene. Ad esempio a me ha colpito molto un sito chiamato toolazytodoit, che scritto così è impossibile da ricordare, ma se capisci il significato e l’obiettivo del sito è geniale! Infatti il sito permette a chi è pigro o non ha voglia o risorse per realizzare un prodotto, di inviare delle idee per creare nuovi prodotti.

Un ottimo indirizzo di dominio dovrebbe consentire a chi lo legge di memorizzarlo facilmente per poterlo condividere con altri. Altro suggerimento è di acquistare anche i domini con le estensioni più importanti come il .com, .it e .net che altrimenti potrebbero essere comprati dai competitor (i tuoi perfidi nemici).

Un errore che spesso capita di trovare nel web, è di aprire sito o blog non personali con lo stesso nome dell’autore o con nomi fantasiosi tipo akezero10233… fai attenzione, è meglio spendere un po’ di giorni per capire cosa si vuole trattare e poi creare, piuttosto che creare e dopo un po’ di tempo capire cosa si vuole trattare.

SE IL NOME CHE HAI SCELTO È GIÀ REGISTRATO?

In questo caso ci sono almeno 4 soluzioni:

  • puoi chiedere al tuo registrar o ad una società specializzate come SnapGames, di avvisarti una volta che il dominio sarà nuovamente libero (ma potresti essere diventato già bisnonno)
  • cerchi di contattare il proprietario del dominio e di intraprendere un negoziazione
  • cambi il nome del dominio (soluzione più ovvia e immediata)
  • puoi cercare un \nome di dominio già registrato ma che è messo in vendita. Esistono dei siti apposta, come sedo.com.

Ora hai un po’ di ottime nozioni, in bocca al lupo e un giorno, quando diventerai famoso, ricordati di me!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *